Il tovagliolo


Piegato nel modo più semplice, a triangolo o a libro aperto verso l'esterno con evidenza del ricamo, pizzo o monogramma, è posto alla sinistra del piatto. Non appena seduti a tavola, si prende con la sola mano destra il tovagliolo, lo si dispiega appena un pò e lo si pone sulle ginocchia, con un unico movimento fluido. Non si infila nel colletto o fra i bottoni della camicia, né lo si lega intorno al collo. Neanche lo si tiene con la mano sul petto per non sporcarsi. 


A pranzo terminato, si attende che sia la padrona di casa a rimettere il tovagliolo sul tavolo, per imitarla. Al ristorante si aspetta la persona più importante. Non c'è bisogno di ripiegarlo, ma non lo si deve neanche appallottolare.
Il tovagliolo si usa per pulire la bocca, premendolo sulle labbra, prima di bere e dopo aver bevuto.
Neanche se si tratta della bettola più infima, si è autorizzati a pulire con il tovagliolo piatti, posate e bicchieri... Se sporchi si chiede gentilmente al personale di sostituirli.
Un'ultima raccomandazione alle signore: attenzione ai segni troppo evidenti (e a volte addirittura indelebili) di rossetto.
E ricordate sempre... il tovagliolo non va mai posto sul piatto dove si mangia. A volte è concesso sul sottopiatto. Mai sopra o sotto le posate.

Commenti

  1. Assolutamente! In Oriente, per esempio, è prestata grande attenzione alla forma che viene data al tovagliolo, alcune volte davvero stupefacente! Ciò dimostra che, anche se la nostra tradizione è più "seriosa", non bisogna mai lasciare nulla al caso! ;)

    RispondiElimina
  2. Hai ragione ma da noi,in Occidente, le persone più fantasiose potranno sbizzarrirsi a creare centrotavola e segnaposti con gli origami ma non di certo con i tovaglioli, perché il galateo non vuole che lo stesso sia maneggiato più volte durante l'apparecchiatura della tavola.

    RispondiElimina
  3. Qui mi permetta segnalare che anche da noi piegare la salvietta in modi specifici è assolutamente giusto e ammesso, ovviamente seguendo le relative regole. In tal caso può correttamente essere posto sul piatto.
    Per esempio il cerimoniale della Corte Imperial-Regia Asburgica prevedeva, per i pranzi in presenza dell'imperatore e del principe ereditaria, la cosiddetta Kaiserfaltung, con appoggio del tovagliolo sul piatto.
    Il metodo era tenuto riservato e la piegatura veniva eseguita da un addetto specifico.
    Per chi fosse interessato esiste un bel video esplicativo su YouTube http:// dal sito: www.stefanie-bernecker.de/nachforschungen/kaiserfaltung-der-habsburger/

    RispondiElimina

Posta un commento

Post più popolari